Società
mercoledì 20 settembre 2017
Sci club Cortina, la forza della tradizione

Non solo sci alpino e nordico: da questo inverno lo Sci Club Cortina avrà anche un gruppo di sci alpinismo. La novità è stata annunciata ieri pomeriggio alla Club house del golf dal presidente Igor Ghedina durante la presentazione di atleti, allenatori e dello staff. «Abbiamo raggiunto un accordo con le Guide alpine di Cortina», ha spiegato Ghedina, «e così, sotto la guida di Edoardo Valleferro, i ragazzi che lo vorranno potranno praticare lo scialpinismo». Non è l’unica novità per la stagione 2017-2018. I 140 iscritti allo Sci Club Cortina dalla primavera potranno praticare golf a prezzi agevolati sul campo di Fraina.

Sci e golf hanno deciso di collaborare e, per la bella stagione, ci saranno corsi e pacchetti speciali per le famiglie dei ragazzi dello Sc Cortina. Il sodalizio cresce di anno in anno e ormai l’attività è diventata giornaliera.

Ieri pomeriggio i ragazzi sono partiti per lo Stelvio, dove si alleneranno. Ma anche in estate sono stati seguiti per la preparazione atletica. «Sono orgoglioso di presiedere questo Club da 16 anni», ammette Ghedina, «la difficoltà più grossa è quella di reperire sponsor che diano continuità alla nostra attività. Il gruppo cresce nelle vari discipline di sci alpino, nordico e biathlon e le spese anche crescono. Lavoriamo tutto l’anno, fuori, in palestra, sui ghiacciai e in pista. Cerchiamo di avere un profilo basso per le rette delle famiglie, ma se vogliamo continuare ad avere risultati adeguati l’impegno economico dei genitori dei nostri atleti è fondamentale».

Alla presentazione, condotta da Antonio Colli, ha assistito anche il sindaco Gianpietro Ghedina che si è complimentato con lo storico gruppo ampezzano.

«Si respira un grandissimo entusiasmo ed è davvero bello», sottolinea, «a volte si sottovaluta l’importanza e il valore che ha uno sci club come questo dalla storia così lunga. Ma vedere così tante famiglie assieme fa capire la grandezza dello sport».

«Lo Sci Club Cortina è una grande famiglia attiva da oltre 100 anni», aggiunge Roberto Bortoluzzi presidente di Fisi Veneto, «e quest’anno a marzo organizzerà anche a finale del Grand Prix Lattebusche. Il nostro successo sta nella felicità che i bambini dimostrano sciando, e qui vedo solo gente felice».

Commossa Federica Monti, di Fisi Belluno. «È toccante ammirare questo mare blu di atleti», dice, «perché dietro c’è un lavoro immenso che viene ripagato».

Durante l’incontro si è parlato anche dei Mondiali 2021. Alberto Ghezze, della Fondazione Cortina 2021, ha ricordato l’importanza di sentirsi parte della rassegna: «i Mondiali sono di Cortina, e tutto il paese se li deve sentire cuciti addosso».

Nelle foto le squadre Giovani (in alto) e Ragazzi.

fonte: Alessandra Segafreddo, Corriere delle Alpi 17 settembre 2017

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.

Inserire almeno 4 caratteri