Dal Comitato
mercoledì 8 marzo 2017
Ecco le finali del Grand Prix Lattebusche!

È tempo di finali per il Grand Prix Lattebusche. Il circuito dedicato alle categorie Baby e Cuccioli vivrà l’ atto finale dell’edizione numero 39 sabato 11 e domenica 12 marzo. La cornice sarà quella delle Dolomiti di Auronzo di Cadore (Belluno): a Monte Agudo (pista Malon e Tomba) si svolgeranno le prove dedicate allo sci alpino, a Misurina, con sullo sfondo le imponenti Tre Cime di Lavaredo, quelle dello sci di fondo. In entrambe le giornate si gareggerà con inizio alle 10. Ad organizzare le finali, in sinergia con il comitato regionale, saranno due club: lo Sci club Auronzo e l’ Enal Sport Villaga.

Saranno quasi un migliaio complessivamente i piccoli atleti nati negli anni dal 2005 al 2008 che gareggeranno nel fine settimana.
«Duecento i protagonisti delle finali dello sci di fondo, cinquecento quello dello sci alpino» spiega Roland Moro, responsabile del circuito Baby e Cuccioli di Fisi Veneto. «Lo sci alpino vivrà, come tradizione, la “finalina” del sabato che servirà per guadagnare la qualificazione a chi non ci fosse riuscito durate le prove della stagione. La partecipazione stimata alla finalina è di circa 150 concorrenti: di questi 40 accederanno alla finale del giorno successivo». «A conclusione della finale, sarà stilato l'elenco dei Cuccioli qualificati al prossimo Criterium che si disputerà a Santa Caterina Valfurva l’1 e 2 aprile» dice ancora Moro. «La novità del Criterium 2017 è lo skicross: a questo proposito stiamo cercando di organizzare, per sabato 25 marzo, uno stage regionale».

«Anche quest’anno il Grand Prix Latttebusche ha proposto ottimi numeri nel corso della stagione» spiega il presidente di Fisi Veneto, Roberto Bortoluzzi. «La partecipazione media alle gare di circoscrizione per l'alpino è stata di circa 600 piccoli atleti e per il nordico di circa 190. Il circuito si conferma dunque un evento di grande portata e questo è reso possibile grazie a Lattebusche, un’azienda che ci è al fianco da quattro decenni e che costituisce un patrimonio prezioso per lo sport. Un grazie va anche ai tanti club organizzatori: anche in questa stagione sono riusciti a fare dei miracoli, lottando e vincendo contro il meteo. Un grande in bocca al lupo alle due società che stanno organizzando le finali».

Non solo gare. Come consuetudine, le finali del Lattebusche vogliono essere un’occasione di festa oltre che un momento agonistico. In questo senso, i due club organizzatori, coordinati dai presidenti Federica Monti (Sc Auronzo) e Federico Gorda (Enal sport Villaga) proporranno per sabato 11, alle 17.45, uno spettacolo di benvenuto al cinema Kuursal di Auronzo: di scena “I fratelli AL”, simpatici e scatenati giocolieri. Domenica poi, la sfilata che precederà al premiazione sarà accompagnata dagli sbandieratori della città di Feltre. Le premiazioni, che si svolgeranno in piazza Regina Pacis, prevedono, oltre ai premi per i primi classificati, anche l’assegnazione di due borse di studio (una per lo sci alpino e una per il fondo) a ricordo di Ivano Giopp, ideatore della manifestazione.

Per tutti i dettagli sulla finale del Grand Prix si può scaricare il programma qui.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.

Inserire almeno 4 caratteri